“Così ho bloccato l’invasione al confine”: la lezione del leghista fa il giro del mondo.

Massimiliano Fedriga da quando è divenuto governatore del Friuli Venezia Giulia ha messo in cima alla lista delle sue priorità la questione migratoria.

La sua intenzione è semplice: difendere i confini e tutelare i cittadini. Esplicative le sue ultime dichiarazioni:

“La politica migratoria dei Paesi di Visegrád, quindi di Ungheria, Polonia, Repubblica Ceca e Slovacchia, mira a difendere l’ Europa. Ricordo che Orbán, quando al governo c’ era Renzi, era stato attaccato e sanzionato dall’ Italia, dalla Germania e dalla Francia semplicemente perché stava facendo ciò che prevedono i trattati dell’ Unione: Schengen non regola soltanto la libera circolazione, ma anche il controllo dei confini. Che l’ Europa imponga di non rispettare Schengen è davvero paradossale“.

Per difendere i confini dall’ingresso clandestino degli immigrati, Fedriga ha stretto un accordo con la guardia forestale, uomini che conoscono bene il territorio e possono dare il loro massimo contributo.

E’ molto chiaro l’appoggio del leghista ad una collaborazione tra gli Stati vittime dell politiche europee, come quello con Orbàn.

Dopo 5 anni di guida Pd, il leghista ha trovato una regione ricca di problemi, che lui ha intenzione di risolvere con la massima efficienza il prima possibile.

L’immigrazione e l’accoglienza sono i primi di cui si sta occupando, tant’è che stanno procedendo gli allontanamenti proprio in questi giorni.

Sei d’accordo?

Fonte: Libero

Foto credit: Libero