“Ora il Papa si deve dimettere, ecco chi ha coperto..” la bomba sul Vaticano e il dossier.

Direttamente dagli Stati Uniti arriva un dossier scottante per il Vaticano.

Dopo le dichiarazioni dure del Papa contro la pedofilia, con le quali ha dichiarato il fallimento della Chiesa, esce il dossier che gli rivolge il dito contro.

A puntarlo è l’ex nunzio Viganò: “In questo momento estremamente drammatico per la Chiesa universale riconosca i suoi errori e in coerenza con il conclamato principio di tolleranza zero, papa Francesco sia il primo a dare il buon esempio a cardinali e vescovi che hanno coperto gli abusi di McCarrick e si dimetta insieme a tutti loro”.

Mc Carrick è l’ex arcivescovo di Washington, riconosciuto di abusi sui seminaristi, a cui il Pontefice ha tolto il cardinalato. Una decisione che non ha precedenti nella storia della Chiesa, eppure Viganò afferma che il Santo Padre fosse a conoscenza della storia da molto prima.

A quanto are l’ex nunzio avrebbe incontrato il Pontefice e gli avrebbe detto: “Santo Padre, non so se lei conosce il card. McCarrick, ma se chiede alla Congregazione per i Vescovi c’è un dossier grande così su di lui. Ha corrotto generazioni di seminaristi e di sacerdoti e papa Benedetto gli ha imposto di ritirarsi ad una vita di preghiera e di penitenza”.

Sempre secondo il racconto dell’ex nunzio: “Il Papa non fece il minimo commento a quelle mie parole tanto gravi e non mostrò sul suo volto alcuna espressione di sorpresa, come se la cosa gli fosse già nota da tempo, e cambiò subito di argomento”.

Secondo Viganò ci sono un pò di responsabilità nascoste, tant’è che nel dossier spuntano altri nomi.

I più diffidenti ritengono che l’attacco al Papa sia solo il frutto di una vendetta, per un pensionamento anticipato non gradito.

Ma una cosa è certa: una bomba è appena stata sganciata.

Fonte: IlGiornale

Foto credit: IlGiornale