Molestie e violenze a Roma da parte di un romeno. Gli agenti intervengono ed ecco cosa succede

Un uomo di cittadinanza romena, a Roma, ha dato sfogo agli istinti peggiori, molestando sessualmente una donna e rincarando la dose all’arrivo dei due poliziotti che erano intervenuti per fermare il palpeggiamento.

Il fatto è accaduto nei pressi della fermata Torre Gaia, della Metro C di Roma. Una stazione che già in passato è stata teatro di risse fra stranieri ed oggi torna ad essere la cornice di atti violenti da parte di stranieri.

La donna stava aspettando il treno quando l’uomo – un 39enne romeno – ha iniziato a palparle ripetutamente il sedere fino all’arrivo delle forze dell’ordine.

L’aggressore si è buttato sulla donna senza pensarci due volte e le ha toccato ripetute volte il fondo schiena. L’ennesima violenza sessuale, insomma. Ennesima violenza sessuale ai danni di una donna che è stata interrotta dagli agenti.

Fortunatamente, infatti, sul posto sono arrivati tempestivamente gli agenti della polizia del commissariato Torpignattara e Porta Maggiore.

Al loro arrivo, il romeno ha tentato di opporre resistenza aggredendoli. Ma i poliziotti sono riusciti a bloccarlo e lo hanno accompagno negli uffici del commissariato Casilino.

Il 39enne, identificato per B.C., è stato denunciato per violenza sessuale e arrestato per resistenza a pubblico ufficiale“.

In questi casi non c’è distinzione tra cittadini comunitari ed extracomunitari, ci auspichiamo che per lui si aprano le porte del carcere, quello rumeno però.

Fonte: Il Giornale

Fonte foto: NewsGo