Video. Rom pronte allo sciacallaggio. Le case degli sfollati di Genova sotto tiro. La furia della Polizia.

Due rom catturate nel deserto delle case sfollate a causa del ponte Morandi. La Polizia non li perde di vista.

Le forze dell’ordine non hanno tregua. Controllano gni area della zona rossa di Genova. Ma nel silenzio accade di tutto. I rom non si fermano di fronte alla tragedia.

Leggiamo su Il Giornale:

Nei giorni scorsi era trapelata la notizia di tre nomadi fermate in via Fillak, vicino al viadotto crollato. Erano arrivate a Genova direttamente da Torino e, secondo le accuse, avrebbero cercato di introdursi nelle case disabitate per svaligiarle. Volevano derubare gli sfollati che già vivono il dramma di non poter dormire nella loro abitazione. Le ladre sono state trovate in possesso di arnesi da scasso in una zona evacuata.

Il loro fare sospetto aveva attirato l’attenzione della polizia, che le ha fermate e accusate di sciacallaggio. Due di loro sono state rinchiuse nel carcere di Pontedecimo dopo il processo per direttissima. La terza, la più giovane, se l’è invece cavata con un divieto di dimora a Genova e con l’obbligo di firma a Torino.

Ora, però, emerge un video (pubblicato da Local Team) che mostra tutta la rabbia degli agenti costretti a fare gli straordinari per bloccare gli sciacalli. Per fermare chi non si placa neppure di fronte al dramma di 43 persone morte e diversi sfollati. 

Ponte crollato, rom fermate da polizia. Allarme sciacalli

Genova, due rom individuate dalla polizia mentre si aggiravano nei dintorni della zona rossa e guardavano dentro le auto. Sarebbero del campo rom di Bolzaneto. L'agente: "oggi ti ha preso la polizia, domani ti linciano"

Posted by Local Team on Sunday, August 19, 2018

Il video sta facendo il giro del web immediatamente subito dopo la sua pubblicazione. Rabbia e tristezza le polemiche di chi difende la città di Genova.

Fonte: ilgiornale

Foto: blogitalianews