Le scuse di Autostrade. Si lavorerà subito per un ponte nuovo.

Le vittime aumentano ma arrivano le scuse di Autostrade. 8 mesi per un ponte a Genova.

In conferenza stampa, davanti a tutti, è stata strappata una promessa. I lavori per ridare un ponte Genova inizieranno a breve.

Leggiamo i dettagli:

Nella conferenza stampa a Genova arrivano le scuse e le promesse dopo il crollo del viadotto Morandi. “Abbiamo sviluppato un progetto che permette di lavorare in parallelo – dice Castellucci – accelerando i tempi, e ci permetterà in otto mesi di costruire un ponte in acciaio in otto mesi”, una opera che sarà simbolo “della velocità con cui la città di Genova” si rialzerà.

È quello che sperano i genovesi, il governo (che ha avviato l’iter per togliere la concessione) e – probabilmente – gli italiani. Il primo intervento della società concessionaria, però, sarà un sostegno alle damiglie delle vittime. “Abbiamo creato un fondo che affineremo col Comune per le modalità di erogazione e che verrà gestito dal Comune di Genova”, spiega l’ad.

Il quale si dice pronto a “fare tanto per Genova”, assicurando che Autostrade è “determinata a farlo con costanza, determinazione e senso di responsabilità”. Un’altra immediata decisione presa dalla società è quella di “liberalizzare i pedaggi nel nodo di Genova da Bolzaneto a Voltri a Genova Ovest da lunedì”.

Le polemiche hanno travolto la famiglia Benetton e la società autostradale. Oggi però arrivano le scuse e gli animi si tranquillizzano. Ma quelle persone nessuno più le riporterà indietro.

Fonte: ilgiornale

Foto: corrieredellasera