Quelle denunce mai considerate. E una crepa immortalata due giorni prima conferma le condizioni del ponte.

Se solo avessero dato ascolto alla voce dei passanti e agli ingegneri. Una tragedia provocata!

Le parole arrivano da ogni lato. Tutti si lamentavano delle condizioni pericolose del Ponte Morandi. Nessuno però ha voluto dare ascolto.

Arriva un video dove una grossa crepa all’altezza del pilone era stata avvistata due giorni prima.

I dettagli su Il Giornale:

Un filmato, girato da Michele Mulè della durata di 1 minuto e 30, fa notare che già appena dopo 34 secondi vi sia una crepa verticale esattamente all’altezza del pilone crollato. In tanti, come si è scritto in questi giorni, avevano denunciato le cattive condizioni del ponte.

Nel 2012 l’ex presidente di Confindustria Genova, Giovanni Calvini, profetizzava:”Tra dieci anni il Ponte Morandi crollerà”, mentre l’ex parlamentare Maurizio Rossi di Scelta Civica, nel 2015, aveva presentato un’interrogazione parlamentare all’allora ministro dei Trasporti, Graziano Del Rio.

Tutte voci inascoltate eppure secondo il professore Antonio Brencich, docente all’Università di Genova del corso di costruzioni in cemento armato, “la storia ha dimostrato delle carenze strutturali su Genova e Maracaibo, non solo oggi ma nel passato. Sono esempi di come non si progettano i ponti”.

Fonte: ilgiornale

Foto: ilgiornale