Salvini lancia bomba all’ Aquarius: “Qui in Italia non entrerete mai più.”

Se la Ong minaccia il vicepremier Salvini, lui prontamente risponde alle minacce.

Giorni fa le Organizzazioni Non Governative inviarono un messaggio all’Italia. Il loro ritorno in mare non si sarebbe arrestato e neanche gli sbarchi.

I dettagli da Il Giornale:

Gli immigrati sono stati raccolti in mare dalla nave Aquarius che, come aveva annunciato nei giorni scorsi, è tornata operativa al largo delle coste libiche, sfidando l’Italia. «Non vedrà mai un porto italiano» – dice il ministro dell’Interno Matteo Salvini in un’intervista a Radio Rai -,

ricordando che la nave, in utilizzo alla Ong Sos Mediterranèe e con a bordo volontari di Medici Senza Frontiere, «è di proprietà di un armatore tedesco e batte bandiera di Gibilterra». Come a dire che con l’Italia ha ben poco da spartire. E così sarà nelle intenzioni del governo.

Potrebbe, quindi, ripetersi la situazione di stallo registratasi lo scorso mese di giugno, quando Aquarius è rimasta per giorni in mare in attesa di autorizzazione all’attracco, che alla fine è arrivata da Valencia. Qui gli immigrati sono stati trasferiti grazie al supporto di nave Orione, della Marina militare italiana, di nave Dattilo, della Guardia costiera italiana.

Cosa cambia dagli ordini italiani? Proprio nulla. Il vicepremier leghista non cambia idea e anzi risulta essere più determinato che mai nella sua linea contro gli sbarchi.

Fonte: ilgiornale

Foto: blastingnews