“La casa ai rom”: Kyenge va da loro e accade di tutto. Razzismo al contrario? Le news.

Cecile Kyenge non è più il ministro dell’Integrazione eppure continua a darsi da fare per i diritti delle minoranze.

Si è presentata al campo nomadi di Gallerate per sostenere il diritto alla casa dei sinti.

La visita è stata documentata proprio dall’esponente del Pd, che ha pubblicato tutto sul suo profilo Twitter

“Oggi ho fatto visita al campo sinti di Gallarate, dove ho incontrato una comunità viva, gioiosa e integrata. Alla demagogia di questi tempi si reagisce lottando per il diritto alla casa e per l’inclusione sociale: solo così si può costruire un futuro di coesione pacifica”.

Il popolo del web non ha gradito l’iniziativa dell’ex ministro. Sui social, infatti, sono partiti tantissimi commenti, molti anche violenti.

“Ruspa, ruspa, ruspa. E della parola doveri mai sentito parlare? Dover pagare le tasse, dover pagare l’affitto ecc..?”, tuona qualcuno.

“Diritto alla casa per tutti, non solo per gli immigrati. Facciamo razzismo al contrario?”.

“Anche perché se i Comuni hanno le case popolari è grazie ai contributi dei nostri nonni e non dei loro“.

E un altro aggiunge: “Quindi prima gli italiani e poi gli altri…”.

Qualcuno addirittura propone: “non c’è bisogno di fare propaganda per convincermi se desidera può portarseli tutto a casa sua! Faccia lei”.

E infine:“Quanta ipocrisia. Ma pensate che gli italiani veramente si fanno prendere in giro da quattro foto e abbracci finti? Ma chi volete infinocchiare?”.

Fonte: Libero

Foto credit: Libero