Importante azione di espulsioni e rimpatri. Ecco in quale città sta accadendo

Raccontiamo quasi ogni giorni casi di crimini e violenze ad opera di stranieri. Ne accadano su base quotidiana e stanno portando le nostre carceri ad essere piene di cittadini non italiani.

Chi segua il nostro sito sa che ogni volta che raccontiamo una notizia simile, invochiamo a gran voce l’espulsione dei criminali stranieri, affinché scontino la propria pena nelle galere del proprio paese.

Gli stranieri in Italia sono circa un terzo dei detenuti, con costi altissimi che abbiamo già documentato. Per fortuna qualcosa inizia a muoversi, come in Emilia Romagna.

Tra molestie, un tentato omicidio, spaccio di droga, prostituzione e lesioni sono ben undici i migranti espulsi dalla sola provincia di Reggio Emilia in questi ultimi mesi. Secondo quanto riportato dalla Gazzetta di Reggio, si può parlare di un’espulsione a settimana da inizio giugno.

In quasi tutti gli undici casi si trattava di migranti irregolari, sprovvisti quindi del titolo di soggiorno. Proprio per questo, quindi, il ritorno forzoso è avvenuto tramite i Centri di Rimpatrio di Torino e Roma.

Tra i migranti rimpatriati nei loro Paesi d’origine c’era anche un tunisino di 38 anni, sorpreso dalle forze dell’ordine ad occupare abusivamente uno stabile abbandonato delle città emiliana. Sempre come riporta il quotidiano, tra i reati commessi dall’uomo anche quello di tentato omicidio.

Espulso anche un equadoregno su cui pesavano precedenti per reati contro il patrimonio, minacce ed atti persecutori. Un altro tunisino rimpatriato aveva invece precedenti per rapina, lesioni e spaccio. L’ultimo a essere riaccompagnato alla frontiera, il 31 luglio, era invece un albanese. Nel suo curriculum reati per spaccio, estorsione e violazioni della normativa sulla prostituzione“.

Ci auguriamo che sia una traccia che verrà seguita in tutta Italia.

Fonte: Il Giornale

Fonte foto: Polizia di Stato