“Se volete, rispedite il mio cd e vi rimborso.” Il jazzista Fresu sostiene lo Ius Soli. Web attacca.

Preso di mira sui social per il suo schieramento a favore dello Ius Soli. Il popolo dei social però lo attacca.

Si tratta di Paolo Fresu, famoso per la musica jazz italiana, che afferma di volere indietro il suo cd se i fun non approvano il suo modo di essere.

I dettagli su Il Giornale:

“Mi vergogno e sto male per quel che sta succedendo. Noi italiani non siamo così…”, ribadisce il jazzista sardo secondo cui molti sono diventati razzisti, xenofobi e intolleranti“per paura”. “C’è un abbrutimento legato alla paura di vivere. Le difficoltà ci sono, ma vanno affrontate senza riversare le responsabilità su chi ha la pelle più scura. Io credo nel valore positivo della musica proprio per la costruzione di rapporti tra i popoli.

E sono certo che l’appiattimento culturale in corso contribuisca alla solitudine e alla chiusura degli italiani”, sottolinea Fresu secondo cui “questo è un momento in cui si deve combattere l’indifferenza”.

“Parliamo di vite umane da salvare: chi ha un po’ di seguito oggi si dovrebbe esprimere”,aggiunge Fresu che ha invitato tutti coloro i che sui social hanno criticato le sue idee sulloIus soli a non acquistare più la sua musica. “Anzi, – rivela – gli ho detto di rispedirmi i dischi che hanno in casa, che poi avrei fatto loro un bonifico”.

Aggiunge poi e fa sapere a tutti la sua preferenza politica nel Pd. Anzi, afferma anche che la legge dello Ius Soli doveva essere portata avanti e approvata per il bene del paese.

Non tutti sono d’accordo col suo pensiero. E sui social non è un mistero.

Fonte: ilgiornale

Foto: ilsole24ore