Indagini aperte sulla mafia dei migranti. Affari da 4 milioni. Le news.

Una storia che va avanti da sempre. Ma dietro l’immigrazione in Italia fanno affari troppi. Affari sporchi. E la Procura di Foggia oggi indaga.

Leggiamo su Il Giornale:

Ma nello stesso tempo, dopo l’incidente di due giorni fa in cui hanno perso la vita dodici braccianti africani e quello di sabato che ha provocato altre quattro vittime, si muove anche il governo. «Dobbiamo rafforzare gli strumenti di controllo e prevenzione, e introdurre misure di sostegno al lavoro agricolo di qualità», dice il premier Giuseppe Conte da Foggia, dove ieri è arrivato anche il ministro dell’Interno Matteo Salvini.

«Dietro queste morti non c’è dignità ma c’è un lavoro sfruttato, e dobbiamo fare in modo che questo non accada», dichiara il presidente del Consiglio, che incontra una delegazione di braccianti e rappresentanti sindacali, e indica la strategia per arginare una piaga aperta da svariati decenni nel cuore di una fetta di Sud Italia che è terra di caporali e nuovi schiavi.

«Si tratta anche spiega Conte, pugliese di Volturara Appula, una quarantina di chilometri da qui di utilizzare meccanismi incentivanti per gli imprenditori. Lavoro e dignità sono due concetti che costituiscono un binomio inscindibile».

Quelle casse di pomodoro che tra luglio e agosto vedono fruttare soldi ai clan della zona aumentano anche lo sfruttamento dei braccianti. Un business che secondo le parole di Salvini è uno schifo che va fermato e subito.

Fonte: ilgiornale

Foto: lastampa