“Saluti da Salvinia.” Questo uno dei titoli delle cartoline che stanno facendo il giro del web. Nulla da ridere insomma.

Eppure il contest che avrà anche un vincitore sta avendo molto successo. E la risposta di Salvini non fa attendere molto.

Cosa vogliono dimostrare? Certo è che ad alzare un polverone sul razzismo sono proprio quelli che si definiscono i difensori della razza.

Leggiamo cosa scrive Il Giornale:

Tutto è nato da una frase di Salvini che si rivolse alla ong Lifeline con 200 migranti a bordo: “L’Italia la vedono solo in cartolina, vadano in Olanda”. Da quella frase, è nata la campagna di “protesta” da titolo “Solo in cartolina”. Come scrive Repubblica, “finora sono circa 300 le cartoline, di ogni genere e tipo, arrivate nella cassetta di posta di ‘Solo in cartolina’” e sono tutte caratterizzate da un unico tema: i migranti.

La protesta del gruppo funziona così. Le cartoline sono quelle tradizionali, con mare, acque cristalline, spiagge… Soltanto che in primo piano c’è un elemento in più: i migranti. Si possono vedere barconi stracarichi di persone, persone morte, salvagenti lanciati in mare.

E tutto accompagnato da frasi macabre come “Saluti e baci dalla pacchia” o “Mediterraneo bello da morire”, fino a “Una barca di abbracci”, oppure un “Saluti e baci da Ponza” con un barcone carico di clandestini. Altre invece sono più “artistiche”, come un uomo che rema su una barca mentre sotto di lui galleggiano dei cadaveri e il fumetto “Saluti da Salvinia”.

Il ministro forse ci avrà scherzato su e su Facebook non ha fatto aspettare molto i suoi “amici buonisti”, postando infatti, che almeno riceverà qualche cartoline. Se volesse aspettare quelle dei piddini forse mai arriverebbero.

Quelli di sinistra ovviamente anche le cartoline le inviano a spese altrui.

Fonte: ilgiornale

Foto: ilgiornale