VIDEO-denuncia: c’è tanta roba in questo centro sociale. Quello che scopre la deputata è allucinante.

Il racconto di Silvia Sardone è scioccante. La consigliera di Forza Italia è entrata nel centro sociale “sotto copertura” e quello che ha scoperto ha dell’incredibile.

“Sabato sera sono stata nella palazzina liberty di viale Molise 68 di proprietà di Sogemi e occupata abusivamente da ormai sei anni dal centro sociale Macao. In programma c’era una serata di musica elettronica organizzata dalla “Rete neutrale Milano est”.

Sia all’esterno che all’interno della struttura ho potuto constatare l’illegalità diffusa che regna sovrana attorno al Macao. Poco fuori dall’ingresso uno spacciatore africano mi ha offerto ogni genere di droga, abbassando più volte il prezzo per convincermi all’acquisto. E sempre all’esterno un gruppetto di ragazzi molto giovani mi ha proposto mdma e ketamina, specificando che ci saremmo potuti accordare anche all’interno del Macao. E infatti dentro il centro sociale gli stessi hanno rilanciato, aggiungendo alla lista anche la cocaina che sarebbe arrivata di lì a poco.

Sardone ha visto con i propri occhi che chiunque lì fumava liberamente droga nel cortile del Macao. Una volta entrata ha potuto verificare una lunga serie di irregolarità che vengono ormai tollerate dal Comune di Milano da ben sei anni.

Dentro la palazzina liberty, deturpata dai graffiti e da scritte come “riempi le foibe”, alcolici e musica, ovviamente senza nessun tipo di permesso scritto. Per di più la consigliera ha scoperto che il Macao funziona anche da ostello.

Guardate il video.

Infine, Sardone conclude così: “L’illegalità del Macao è scandalosa: gli eventi senza alcun permesso vengono infatti pubblicizzati alla luce del sole sui social e il Comune non alza un dito per impedirli.

Anzi, a più riprese aveva proposto una sorta di sanatoria per gli abusivi quando invece dovrebbe chiedergli i danni visto che il Macao è diventata una vera e propria S.p.A con fatturati da capogiro, mentre i commercianti onesti si vedono tassati con qualsiasi scusa e multati per un tavolino fuori posto di due centimetri: questa è la giustizia della sinistra. Il Macao va sgomberato immediatamente, poi si dovrà pensare al futuro della palazzina liberty”.

Fonte: Libero

Foto credit: artribune