Boldrini e il suo pallino fisso: ” Salvini, Twitter, Fascismo e Immigrati.” Ora cosa si è inventata?

L’ex presidente della Camera non può che provare l’impossibile. Il suo nome sempre prima degli attacchi a Salvini.

Subito alla riscossa per infangare Matteo Salvini. Prima lo spunto e poi il linciaggio.

Leggiamo cosa scrive Il Giornale:

Non poteva mancare, ovviamente, l’affondo della deputata di Leu e ex presidente della Camera, Laura Boldrini. Ricordate quando disse “di professione non commento gli accadimenti del giorno” a margine degli stupri di Rimini?

Beh, stavolta la regola non sembra valere (certo non è più a capo di Montecitorio, ma…). “Mentre Salvini – quello che dovrebbe garantire la sicurezza in questo Paese – era impegnato a twittare slogan mussoliniani“, ha scritto la deputata,

Ieri un’atleta italiana veniva aggredita da un branco di vigliacchi. Forza campionessa rimettiti presto e vinci per noi, siamo con te #DaisyOsakue“.

Come se non c’avesse pensato qualcun altro. Il suo post di polemica non poteva mai mancare.

La giovane atleta però ha saputo ben difendersi da sola. La donna, infatti, no n ha parlato di razzismo. Racconta di essere stata confusa dagli uomini, che l’hanno aggredita, per una prostituta.

Fonte: ilgiornale

Foto: ilpopulista