Prete sorpreso in auto con una bambina. La scusa che trova fa rabbrividire. I fedeli insorgono.

Un caso di pedofilia conclamato e accertato quello accaduto nella zona di Prato. E’ stato un residente della zona a notare qualcosa di sospetto nella sera di lunedì 23 luglio.

La vicenda shock si è svolta nel retro di un supermercato: il passante ha sorpreso una macchina in cui vi erano una bambina di 10 anni e un prete di 70.

Fatta uscire immediatamente la piccola dall’auto, il soccorritore ha avvisato alcuni vicini e insieme hanno cercato di aggredire l’uomo salvato dall’arrivo dei carabinieri.

Il giorno dopo l’arresto è immediatamente scattato il processo per direttissima. Ma l’uomo di Chiesa ha deciso di dare una sua versione della storia, incolpando niente meno che la bambina, affermando che fosse lei a prendere l’iniziativa.

Aggiungendo dettagli raccapriccianti, come il fatto che il rapporto con la piccola era solo affettivo. Secondo quanto affermato dal prete, lui la stava semplicemente aiutando vista la situazione disagiata in cui versava la famiglia.

Gli episodi sarebbero avvenuti sempre nella sua auto durante il tragitto tra la parrocchia e la casa della bambina.

Ora il prete è in stato di fermo, agli arresti domiciliari con l’accusa di violenza aggravata su minore.

Fonte: Libero

Foto credit: lavocedimanduria