L’ acquisto dell’accoglienza che vende droga ai minorenni. Polemica sulle risorse.

Nigeriano ospitato alla Caritas arrestato dalla polizia per spaccio all’oratorio.

Quello dello spaccio sembra essere il miglior passatempo dei nigeriani che sbarcano in Italia. Come se fosse l’ultima speranza di sopravvivere.

Leggiamo su Il Giornale:

Il ragazzo, incensurato ed in possesso di regolare permesso di soggiorno, ottenuto con la motivazione dell’asilo politico, era un ospite della Caritas di Pescara.

Nella giornata di ieri, in pieno pomeriggio, una volante della polizia si è trovata a pattugliare la zona dell’istituto scolastico “Pitagora” e dell’oratorio della parrocchia di San Donato, nei pressi della via Rio Sparto.

L’attenzione degli agenti a bordo è stata catturata dai movimenti sospetti di alcune persone che si aggiravano intorno alla statua di papa Paolo VI: per la precisione si trattava di due ragazzini ed un extracomunitario. Quest’ultimo, con fare circospetto, dopo aver recuperato delle bustine, le avrebbe poi cedute ai giovani, che ne hanno annusato il contenuto.

L’intervento della Polizia ha messo fine questo mercato che si era diffuso tra i ragazzini ancora minorenni. Sotto insistena degli agenti hanno buttato a terra le bustine.

Molti di loro, messi alle strette hanno confessato che il nigeriano era lì da tempo.

Fonte: ilgiornale

Foto: newsabruzzo