Migrante spacca tutto e il prete lo difende. Ma i cittadini reagiscono male.

La vicenda vede protagonista un immigrato nigeriano. In preda al totale delirio, ha iniziato a spaccare vetri e parabrezza delle auto in sosta ad Acerra, comune nel napoletano.

La folla ha reagito di brutto. Mancava poche che l’africano venisse linciato; le forze dell’ordine sono intervenute sottraendolo alla rabbia dei cittadini.

Ma quello che ha fatto infuriare i napoletani sono state le parole del vescovo Antonio Di Donna, intervenuto in difesa dell’extracomunitario.

Il monsignore, infatti, ha etichettato come “inumano” il pestaggio subito ed ha denunciato il clima di intolleranza razziale.

A seguito di tali dichiarazioni, la comunità di Acerra si è scagliata sui social contro il prete, imbufaliti per la presa di posizione dell’uomo di chiesa.

Tra i commenti riportabili, come scrive Il Mattino, si legge: “Voi siete la chiesa, perché non li fate dormire da voi?”. “Perché il vescovo non li ospita nel suo appartamento?”.

“I preti dovrebbero dire messa ed occuparsi delle spiritualità delle persone, non fare comizi”. “Anche la chiesa hai suoi interessi nel business dell’accoglienza”.

Fonte: Il Giornale

Foto credit: pinterest