Lasciateci processare Salvini: ecco cosa fanno le toghe per spezzargli le gambe. Chi chiamano per farlo.

La Procura di Torino ci riprova: scrive per la terza volta al ministro della Giustizia, affinchè possa consentire l’avvio del processo di Salvini.

Dopo le richieste non accolte a Orlando e Bonafede, arriva il terzo sollecito. E’ necessario, infatti che sia il ministro di competenza ad autorizzare i pm a procedere.

Il caso in questione risale al 2016, quando il leader della Lega parlò di “magistratura schifezza” durante un comizio.

Allora Salvini si difese dicendo che “ci sono tanti giudici che fanno benissimo il loro lavoro”, ma che “purtroppo è anche vero che ci sono giudici che lavorano molto di meno, che fanno politica, che indagano a senso unico e che rilasciano in 24 ore pericolosi delinquenti”.

“Finché la magistratura italiana non farà pulizia e chiarezza al suo interno, l’Italia non sarà mai un Paese normale”, aveva tuonato ancora.

Dal Ministero è arrivata intanto una voce certa: “è in corso, dunque, un’istruttoria e il Guardasigilli è consapevole delle prerogtive connesse al suo ruolo.”

E tu? Cosa ne pensi?

Fonte: Il Giornale

Foto credit: Il Giornale