Medici Senza Frontiere accusa il governo sulla linea dura migranti: “con voi stagione del cinismo”.

Medici senza Frontiere e Sos Méditerranée attaccano il Governo italiano e lo accusano per la “freddezza” con cui quest’ultimo starebbe assistendo all’aumento delle morti di migranti nel Mediterraneo.

Secondo Karline Kleijer, responsabile delle emergenze per Msf, i profughi annegati nel Mediterraneo ammonterebbero a circa 600, tutti dovuti alla “linea dura” in ambito migratorio.

Il Governo italiano è stato accusato dall’esponente della ong di avere dato inizio alla “stagione del cinismo”. Secondo l’Ong, senza citarlo, il responsabile di quei morti sarebbe Matteo Salvini?

Ed ha, inoltre, aggiunto: “È un vero e proprio oltraggio. È inaccettabile che un Paese membro dell’Unione europea prenda con tanta freddezza decisioni destinate a lasciare in balia delle onde donne e bambini.

Invece di contrastare l’attività di soccorso promossa dalle organizzazioni umanitarie, il Governo italiano dovrebbe collaborare con queste ultime al fine di salvare i disperati in fuga dalla guerra”.

Mentre Sophie Beau, vice presidente di Sos Méditerranée, ha affermato: “L’Europa ha la responsabilità di queste morti sulla propria coscienza”.

Accuse e diffamazioni all’ordine del giorno. Staremo a vedere la replica del Ministro Salvini.

Fonte: Il Giornale

Foto credit: giornaledipuglia