Diciotti in arrivo in Italia. Salvini furioso annuncia cosa farà con quei migranti facinorosi.

Poche ore, e la nave Diciotti sbarcherà in Italia. Più che un recupero in mare, quella della Marina è un’operazione di polizia giudiziaria.

Il blocco di Salvini è stato rotto solo perché la rivolta avvenuta a bordo del rimorchiatore aveva messo in difficoltà l’equipaggio della Vos Thalassa.

Ma la politica dura del Ministro dell’Interno non cambia. Danilo Toninelli, Ministro dei Trasporti, ha annunciato che gli immigrati che hanno provocato la rivolta verranno arrestati.

Si tratta di un ghanese e di un sudanese individuati dai marinai della Guardia Costiera italiana, che saranno sottoposti a indagine non appena toccheranno terra.

Cosa è accaduto a bordo? Il Giornale riportaIl rimorchiatore italiano ha preso a bordo 67 migranti in area Sar della Libia. Dopo la rivolta dei migranti, che non volevano essere portati verso Sud e essere consegnati alla marina libica, l’equipaggio della Thalassa ha chiesto l’intervento della Guardia Costiera italiana che, autorizzata dal Comando generale delle capitanerie di porto, ha trasbordato i migranti sulla Diciotti “per tutelare l’incolumità dell’equipaggio”.

All’alba Salvini aveva annunciato la chiusura dei porti italiani a tutte le navi coinvolte perché “l’imbarcazione privata Vos Thalassa è intervenuta in acque Sar libiche anticipando l’intervento delle Guardia costiera libica che era già stata allertata”. “La Guardia costiera italiana – era la tesi del ministero – non può sostituirsi a quella libica, soprattutto se i colleghi africani sono già entrati in azione”. Alla fine, però, la Diciotti approderà in Italia affinché “i responsabili delle gravissime minacce rispondano delle proprie azioni, senza sconti, di fronte alla giustizia”.

Dunque, Salvini ha intenzioni serie, e non cambia idea. Stanco delle navi italiane che recuperano clandestini in mare, ha annunciato: “Se qualcuno scenderà, se ci sono state minacce, scenderà per andare in galera e non in un centro di accoglienza”.

Foto credit: video.virgilio