Boeri ridicolizzato: i migranti pagano le pensioni agli italiani? Assurda falsità. I dettagli e l’attacco micidiale.

Il segretario generale dell’Ugl, Paolo Capone, è intervenuto sulle ultime dichiarazioni di Boeri che hanno suscitato molto clamore.

“Un disco rotto a cui ci siamo rassegnati. Il presidente dell’Inps non è un politico, per cui ognuno rispetti il proprio ruolo, piuttosto che rendersi ridicolo. Di sicuro, non è con l’immigrazione che si possono pagare le pensioni ai nostri contribuenti. In Italia è opportuno procedere con politiche welfare, volte a sostenere le famiglie e la natalità, in modo da ristabilire gli equilibri nei conti previdenziali”.

Al centro delle polemiche, dunque, sempre l’immigrazione e l’idea che questa garantisca le pensioni agli italiani.

Infine, ha concluso così:

“E’ necessario rivedere la riforma Fornero che con l’aumento dell’età pensionistica ha causato un ulteriore ingorgo, impedendo l’ingresso dei giovani nel mondo del lavoro. Il governo sta lavorando bene, facciamo in modo che ci sia un’inversione di tendenza a favore di tutti i cittadini e delle categorie più deboli.”

Cosa pensi delle dichiarazioni molto discusse di Boeri?

Le vecchie dichiarazioni di Capone sull’allora presidente dell’Inps sono tornate alla ribalta per il concetto di Boeri espresso e sostenuto ancora oggi dalla sinistra.

Fonte: Il Populista

Foto credit: Avvenire