Il Giudice è a rischio di vita, vuole Armarsi per difendere la sua famiglia, ma rischia gravi conseguenze

Forse alcuni di voi ricorderanno che vi avevamo parlato della sua storia particolare.

Si chiama Angelo Mascolo, e qualche giorno fa aveva dichiarato: “Basta! Lo stato assente, ora bisogna armarci!”
Questo perché una sera il giudice era stato seguito da un’auto, di probabili malviventi, a tutta velocità, temendo fortemente per la sua vita.

E a tal proposito aveva scritto: “Se fossi stato armato, come è mio diritto e come sarò d’ora in poi, che sarebbe successo se, senza l’intervento dei Carabinieri, le due facce proibite a bordo della Bmw mi avessero fermato e aggredito, come chiaramente volevano fare?”.


“Se avessi sparato avrei subito l’iradiddio dei processi – eccesso di difesa, la vita umana è sacra e via discorrendo – da parte di miei colleghi che giudicano a freddo e difficilmente – ed è qui il grave errore – tenendo conto dei gravissimi stress di certi momenti”.

E bene, ora Mascolo per queste sue parole rischia grosso.
Sì, perché guai al magistrato che osa dire la verità.

Ora, Angelo sarà, con molte probabilità, trasferito lontano da dove lavorava, per incompatibilità.
Forse finirà in un sottoscala di qualche tribunale di periferia.

A lui va tutta la nostra simpatia e sostegno.
Per questo vi chiediamo di aiutarci a chiedere giustizia per Angelo… CONDIVIDI questo ARTICOLO su Facebook, affinché tutti sappiano!

Fonte: edizione cartacea de “La Verità”, pagina 6 (7-4-17)
Qui