Uccide un anziano a mani nude in ospedale. Immigrato assolto dal giudice. E’ caos.

Quello che è accaduto in un ospedale di Castel Volturno ha lasciato a bocca aperta l’opinione pubblica. L’immigrato, che aveva già minacciato il proprietario di un bar, dopo aver distrutto lo stesso, era stato arrestato dai carabinieri.

Il giudice lo aveva appena rilasciato in attesa delle risposte delle indagini preliminari del caso di aggressione al commerciante.

Ma continuiamo a leggere cosa scrive Il Giornale:

A dirlo è Il Mattino, che racconta come il gip lo abbia mandato libero la sera stessa del fermo, disponendo nei suoi confronti solo l’obbligo di firma.

E così il senza dimora e senza permesso di soggiorno (la richiesta di rifugio politico gli era stata negata già nel lontano 2013) – per di più con una lunga lista di precedenti penali tra la Puglia e la Campania – qualche ora dopo era stato nuovamente fermato dalle forze dell’ordine perché si era messo a danneggiare le auto in sosta lungo la via Domitiana.

 Da qui i poliziotti lo hanno accompagnato in ambulanza all’ospedale di Sessa Aurunca, visto che l’immigrato 31enne era fuori di sé, dimenandosi e straparlando, forse sotto effetto di pesanti sostanza stupefacenti.

Arrivato in pronto soccorso, è stato subito portato nel reparto di psichiatria, dove nella notte ha dato nuovamente di matto, uccidendo con una scarica di pugni il povero pensionato italiano.

Una storia assurda, ma vera. A pagare per le malefatte di una “risorsa” è stata la vita di un innocente.

Questo come verrà giustificato alla famiglia dell’uomo pensionato? Come potrà mai essere risarcita la perdita di una vita per mano di un uomo che forse  non meritava quella  libertà?

Fonte: ilgiornale

Foto: ilmessaggero