Salvini shock su fondi Lega: “Mattarella mi dirà se c’è ancora libertà di espressione”.

Matteo Salvini, Ministro degli Interni e vicepremier, non si tira indietro nemmeno a domande scomode, come quelle relativa ai fondi Lega.

Intervistato dalle telecamere, il leader del Carroccio chiarisce innanzitutto che di quei soldi spariti non ne sa nulla.

Qualcuno più di dieci anni fa ha commesso degli errori, probabilmente, ma Salvini non c’entra nulla.

E ribadisce che se quel qualcuno, che ha speso i trecento mila euro in maniera errata, verrà condannato in via definitiva, sarà disposto a farsene personalmente carico.

Da qui l’annuncio del leader leghista di volersi appellare al Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella; dichiarazione che da molti magistrati è stata definita anticostituzionale.

Ma Salvini risponde: “E’ il garante della Costituzione dei diritti dei cittadini italiani. Io rispetto il lavoro della stragrande maggioranza dei giudici italiani che fanno bene obiettivamente e senza pregiudizi il loro lavoro.

Parlerò con il presidente Mattarella del fatto che la Lega sarebbe il primo e unico partito in Europa sostanzialmente messo fuori legge con una sentenza no definitiva”.

Conclude l’intervista dicendo: “Starà a Mattarella decidere se c’è in ballo la libertà di espressione, la democrazia o è tutto normale. Non sono io che decido”.

E come afferma lo stesso Salvini: “Se questo significa attaccare un partito che sta conquistando fiducia ed orgoglio dei cittadini italiani, se ne discuterà con Mattarella”.

Staremo a vedere cosa dichiarerà il Presidente della Repubblica in merito alla questione.

Fonte: Il Fatto Quotidiano

Foto credit: quotidiano