Verità esclusiva. Gheddafi: “Ti incoraggio e sono pronto ad aiutarti”. Le parole shock confessate dal portavoce che tradusse tutto.

Non ha messo molto tempo ad arrivare la verità scomoda per l’ex premier Sarkozy. Le parole di Gheddafi confessate dal colonnello.

In esclusiva arriva la verità. I traffici illeciti per le elezioni di Sarkozy ci sono stati e a parlarne il portavoce che era presente a quell’incontro segreto.

Leggiamo l’intervista su Il Giornale:

Quando è stata la prima volta che ha sentito parlare di questa storia?

«Sono stato ambasciatore e responsabile del desk Francia. Nel 2005 quando Sarkozy era ministro dell’Interno ho tradotto l’incontro con Gheddafi a Tripoli».

Cosa si dissero?

«Fu Sarkozy a introdurre il discorso dicendo che era sua intenzione candidarsi alle presidenziali francesi. Gheddafi rispose che come amico non avrebbe esitato ad aiutarlo. Non parlarono di soldi, ma il concetto era chiaro. Gheddafi disse è un bene avere un amico come presidente francese. E sottolineò: Ti incoraggio e sono pronto ad aiutarti».

Come si è arrivati ai soldi?

«Dopo qualche tempo ho visto la bozza della lettera d’accordo per finanziare la campagna elettorale di Sarkozy sulla scrivania di Gheddafi. Non ricordo il giorno esatto, ma il mese sì. La data del documento era dicembre 2006. In calce aveva firmato Moussa Kussa (il potente capo dei servizi segreti libici per l’estero riparato in Qatar, nda) e la lettera era indirizzata a Gheddafi».

Gheddafi non le confidò cosa pensava del cambio di fronte radicale di Sarkozy da amico a nemico?

«No, a parte qualche dichiarazione alla stampa sul fatto che aveva problemi mentali. Probabilmente, ma è una mia analisi, Sarkozy era rimasto sbalordito della mancata realizzazione di diversi contratti con la Libia (anche in campo energetico, nda) firmati durante la visita di Gheddafi a Parigi (nel dicembre 2007 dopo l’elezione all’Eliseo, nda), dove fu accolto con tutti gli onori».

Una confessione quella del colonnello su cui non ci sono dubbi. Oltre le parole arrivano i documenti e tutto quanto potrebbe incastrare Sarkozy. La sua fama inernazionale ora macchiata dalla verità che ha visto milioni di morti.

Fonte: ilgiornale

Foto: ilgiornale