Ecco come ora fanno Insegnare la Stregoneria nelle Scuole ai nostri Bambini!

Un nuovo episodio sembra pronto a sconvolgere il mondo della scuola italiana.
È notizia di ieri di alcune lezioni tenute da una “strega” in una scuola primaria.

Appurata, infatti, la gravità dell’episodio sulle lezioni tenute da Ramona Parenzan, che nella Scuola primaria di Mocasina ha invocato spiriti e distribuito amuleti all’insaputa dei genitori, si potrebbe pensare che il loro contenuto sia in fondo innocuo.

Ma, in realtà le cose stanno in modo diverso, ecco infatti in cosa crede chi promuove la wicca e la stregoneria.
E la Chiesa mette in guardia i fedeli.

Su La Nuova BQ infatti leggiamo che:

Parenzan non si è solo presentata in molte scuole primarie come “la strega Romilda” munita di libri, amuleti, maschere africane e pozioni, facendo invocare gli spiriti ai bambini e chiedendo loro di assumere determinate posizioni come dimostrato dalle foto sul suo profilo pubblico di Facebook (oscurato dopo la pubblicazione dell’articolo di ieri).

In un video postato il 15 febbraio scorso lei stessa legge uno stralcio del libro Strega di Lisa Lister che recita così: «Ho deciso di iniziarmi per immersione, la fonte bianca traboccava di energia…ed è dominata da una splendida madonna nera, mi sono spogliata…arrampicata con qualche esitazione fino al bordo dove ho guardato negli occhi la madonna nera che per me rappresenta la madre oscura. Mi sono seduta sul bordo del pozzo…ero in una caverna buia davanti alla madre oscura sul punto di immergermi nelle tenebre, la tenebre in cui il patriarcato aveva relegato il mio potere e quello di tutte le donne della mia famiglia…non ho paura del buio, ho detto a me stessa, l’ho detto a lei ero pronta a rivendicare quel potere…ho udito urla e gemiti, ho ricordato le volte che mi hanno tagliato la lingua per aver detto la mia verità e quando sono riemersa, perché dopo tutto sono una strega, ho guardato la madonna nera e lei ha bisbigliato: è sicuro per te essere potente…è sicuro per me essere potente …per voi essere potenti, entrare in possesso dei vostri poteri…». […]

Sul profilo di Parenzan vengono poi mostrati un calendario lunare della wicca (simile a quello che appare sulla pagina dell’Unione satinasti italiani) una pentola magica, una sfera di cristallo e immagini di streghe danzanti sotto la luna piena. C’è poi una foto di Parenzan che legge un altro libro intitolato “Primi passi nella Wicca”, la cui recensione chiarisce: «Primi passi nella Wicca è un vero e proprio manuale introduttivo alla cultura e alle credenze di questa religione, senza perdere di vista il mistero che spinge molti studenti ad apprenderne i segreti. Il libro insegna inoltre pratiche fondamentali come l’espansione dell’energia, la visualizzazione e la meditazione e offre esercizi per le tecniche di base prima di introdurre riti più complicati e incantesimi».

C’è chi, quindi, ha provato a minimizzare parlando di “stupidaggini”, di piccolezze che non fanno male a nessuno.
Ma la situazione è ben diversa.

Tarcisio Mezzetti, fondatore delle Comunità Magnificat e grande esperto di occultismo, ha infatti subito condannato nei suoi libri la wicca come pericolosa: «noi (cristiani, ndr) neghiamo in maniera radicale che sia una religione perché l’atteggiamento è diverso: il mago sta al centro della magia, l’uomo religioso invece è legato, sottomesso al suo Dio, prega, domanda alla divinità un favore mediante un rito religioso, cerca di compiacere la divinità e attende la divinità. Il rito religioso è già fine a se stesso, mentre nel rito magico non è così. Il mago vuole, il mago impone e quando si rivolge ad una entità esige da quell’entità non un favore, ma un servizio. Il mago non ha leggi morali, lui è la legge morale per se stesso, lui detta la moralità delle sue azioni per cui c’è una differenza abissale fra mago e religioso».

Voi cosa ne pensate?

Foto Credits: Qui