La sinistra si schiera e attacca il Patrono delle forze armate ma alla fine viene umiliata così.

Il Papa San Giovanni XXIII è il patrono delle forze armate ma la sinistra non ci sta.

E’ stato consacrato e nominato patrono delle forze armate ma scoppiano le polemiche da parte della sinistra.

Tra questi ricordiamo Pierluigi Castagnetti, democristiano di lungo corso e ultimo segretario del nuovo Partito Popolare italiano, che attraverso un post su Facebook ha dichiarato apertamente di non essere d’accordo a questa funzione, perché non c’è nessun bisogno di fare un patrono per l’esercito.

Castagnetti, inoltre ha dichiarato, “Mi chiedo perché questa scelta -prosegue piccato – È il Papa della Pacem in Terris. Si vuole associare all’esercito un patrono che sia segno di contraddizione con la sua funzione istituzionale o si vuole “contenere” lo spessore profetico di un Papa la cui memoria nella coscienza di tutti è vissuta come il simbolo della bontà e della pace.”

Su il Giornale leggiamo:

Ma fra i fedeli c’è chi non concorda con le parole di Castagnetti e difende la scelta di San Giovanni XXIII come patrono dell’esercito. Sul profilo Facebook del politico democristiano c’è infatti anche chi ricorda che le parole contro la guerra del grande Papa Santo non siano mai state intese come un attacco contro gli eserciti in quanto tale.

E fra i lettori più attenti c’è anche qualcuno che linka un documento ufficiale ospitato sul sito ufficiale della Santa Sede, in cui l’allora Sommo Pontefice si rivolgeva ai cappellani in congedo.

“Il vivere in fraterno contatto per mesi e mesi, in una comunanza di anime, temprata nel pericolo e nella generosità quotidiana – disse allora il Papa – fa scoprire nel nostro prossimo sempre nuove profondità, espressioni di fede, di fiducia in Dio, di abbandono nella preghiera, di serena rassegnazione. […]

Epoca dunque di spirituale arricchimento, a cui si aggiunge l’opera costruttiva della disciplina militare che forma i caratteri, plasma le volontà educandole alla rinunzia, al dominio di sé, all’obbedienza.” La testimonianza di come il grande Papa fosse certo contro la guerra ma non certo contro i militari.

Fonte: il Giornale

Foto Credit: i.cdn-vita