Cumputer hackerati: LA SCOPERTA SU RENZI. Ora è panico!

Cyberspionaggio.

In seguito all’arresto dei due ingegneri responsabili delle intercettazioni illegali, si è diffuso il panico.

Una delle prime indiscrezioni riguardava l’ipotesi che ci fossero dei dossier sugli ex premier Monti e Renzi.

Il sospetto che riguarda il leader del Pd è più che fondato, così come è forte il timore che comunicazioni riservate e informazioni delicate per la sicurezza nazionale siano finite tra le mani dei fratelli Occhionero.

La verità sullo spionaggio ai danni di Renzi emergerà sol quando si potrà accedere ai server americani.

Il sistema di spionaggio Eye Pyramid pare che l’abbia preso di mira per 96 giorni.

Precisamente il nome di Renzi compare nella lista di Giulio Occhionero con la data del 30 Giugno 2017 alle ore 7.08, quando ci fu l’ultimo tentativo di infettare il suo dispositivo.

Il tutto è avvenuto mediante una mail inviata alla casella postale del premier.

Questa conteneva un allegato in Pdf all’interno del quale c’era il malware che ha permesso agli Occhionero di infiltrarsi in migliaia di computer.

Fonte: Libero