“Giustizia” Italiana Folle: Poliziotto spara ad un ladro ROM, ma è lui…

Ennesima follia tutta italiana della nostra “giustizia” che ancora una volta si abbatte su un poliziotto.

Il poliziotto è colpevole di… aver fatto semplicemente il suo lavoro.

Infatti, su Il Giornale leggiamo:

Adesso, dopo aver rischiato la propria vita per far rispettare la legge, rischia di essere sbattuto un anno in carcere e di dover sborsare un milione di euro a un rom che stava scappando dopo aver messo a segno un furo e aver fatto resistenza al pubblico ufficiale. Per questi reati il nomade se la caverà con appena sedici mesi di carcere. Mentre, se le richieste del viceprocuratore onorario Ester Kappelmayr dovessero essere accordate dal giudice, Andrea C., 42enne assistente capo di polizia, avrà la vita rovinata da una sanzione senza precedenti.

I fatti risalgono a circa un anno fa. Una banda di ROM stava mettendo a segno l’ennesimo colpo ad un distributore di benzina, è intervenuta una pattuglia di Polizia prontamente.

I ladri si sono dati alla fuga e il poliziotto ha sparato colpendo uno dei ROM alla schiena. L’avvocato difensore del ROM ha chiesto “176mila per il danno morale e 800mila per il danno biologico”, perché ora il ROM è invalido per il 65%.

Il legale del poliziotto ha dichiarato: “Il mio cliente ha fatto un uso legittimo dell’arma, ha mirato e voleva soltanto colpire gli pneumatici”.

La cosa più assurda ora è che questo poliziotto potrebbe pagare più del ROM, solo perché quella sera aveva deciso di… fare SEMPLICEMENTE il suo lavoro.

Se pensi che il poliziotto abbia fatto bene e che la “giustizia” italiana abbia torto, ti chiediamo di CONDIVIDERE questo articolo sul vostro profilo Facebook, per sostenere questo poliziotto.

GRAZIE!